preloader


10 Da Gromo a Novazza e a Bani di Ardesio

 

Tempo di percorrenza: 3 h. A/R

Partenza: Pranzera, bar ristorante Sport, 660 metri

Arrivo: Bani di Ardesio, 1060 metri

Attrezzatura: Bassa montagna

Dislivello: 400 metri

Difficoltà: Nessuna

Note: Acqua da bere a Novazza e Bani. Un bar a Bani. Da visitare le Parrocchiali di Novazza e Bani e i nuclei antichi delle due contrade.

 

Di fronte al bar - ristorante Sport di Pranzera si imbocca un’ampia mulattiera, ora asfaltata, che passa attraverso diverse ville di recente costruzione e sfiora la zona dove, dal XVI al XVII secolo, diverse fucine fabbricavano armi bianche, per le quali Gromo era famoso in Europa. La si segue fino all’incrocio con la strada provinciale che collega Gromo a Valgoglio e Novazza. Circa 50 metri d’asfalto e sulla sinistra si riprende la mulattiera che, con andamento tortuoso, attraverso boschi e prati e passando nei pressi del camposanto, giunge alla chiesa Parrocchiale di Novazza, dedicata ai Santi Pietro e Paolo. Da qui si segue per un buon tratto la strada asfaltata che porta alla miniera di uranio, mai sfruttata, per percorrere quindi la nuova strada carrozzabile che, staccandosi sulla sinistra e attraverso il bosco “Valli di Pranzera”, giunge ai prati di Bani, nei pressi della cappelletta “Balaròt”. Conviene ora sostare per godere della magnifica vista che spazia a Sud sulla strapiombante parete Nord del Monte Secco, e, a Nord, sui “giganti” delle Orobie - il Coca, il Redorta e lo Scais - montagne che svettano per oltre 3000 metri verso il cielo. In piano la strada conduce all’antico nucleo abitativo di Bani, caratterizzato da case di pietra con ballatoi di legno e adagiato in una conca circondata da prati e da boschi. Domina la borgata la chiesa Parrocchiale di San Giovanni Battista, mentre nei pressi del camposanto si può ammirare il busto dedicato a Don Francesco Brignoli, “ol pret di Bà”, passato a miglior vita anni fa, in odore di santità. Di tanto in tanto a Bani si tiene un antichissimo spettacolo carnevalesco in due atti, interpretato da tutta la contrada e denominato “Ol carneal del magnà” e “Ol testament del Burtulì”. Si consiglia il ritorno a Gromo lungo lo stesso itinerario di salita.

SPORT E DIVERTIMENTO

logo sciclub  parcosospeso  spiazzi

RICONOSCIMENTI

bandiera arancione  iborghipiubelli  valseriana 2 

GUARDA IL VIDEO

WEBCAM